Horizon: Forbidden West – Standard Edition

Manca sempre meno al momento in cui potremo conoscere ufficialmente uno dei giochi più attesi degli ultimi tempi, Horizon Forbidden West, il successore di Horizon Zero Dawn lanciato nel 2017 che sta per arrivare su piattaforma PS4 e PS5.

Il prossimo 14 febbraio alle ore 09:01 in Italia scadrà l’embargo per le recensioni.

Poi il gioco sarà disponibile all’acquisto per PS4 e PS5 a partire dal prossimo 18 febbraio.

COSA ASPETTARCI???

Non vediamo l’ora di poter riabbracciare la nostra eroina

Il percorso di Aloy non è soltanto un viaggio in una Terra tanto magnifica quanto pericolosa, è molto di più.

RIPERCORRIAMO QUALCHE PASSO INSIEME

La storia di Guerrilla Games inizia il 1 gennaio 2000 sotto il nome di Lost Boy Games

Con il rilascio di Killzone 3, Guerrilla Games inizia ad avvertire il bisogno di dedicarsi a qualcosa di diverso dalla serie che ha reso lo studio un fenomeno di rilievo mondiale.

FU LA NASCITA DI UN’EROINA: Una figura incappucciata, vestita con abbigliamento militare di colore scuro, attacca un Divoratuono con un fucile d’assalto M82.

Non ci sono dubbi: il protagonista di Horizon Zero Dawn sarebbe stata una donna forte e indipendente.

Se Aloy è senza dubbio il pilastro principale su cui si regge la splendida architettura di Horizon Zero Dawn, è altrettanto vero che a farle compagnia vi sono altri due elementi principali: una natura che ha ripreso possesso del pianeta Terra e dei robot che hanno quasi del tutto sostituito il regno animale. È la storia di un mondo post-apocalittico dominato da macchine splendide e pericolose, in cui gli uomini sono stati relegati ad un ruolo di secondo piano dopo migliaia di anni di dominazione del pianeta.

Guerrilla Games ha costruito una ammirevole tensione tra uomo e macchina.

Nel settembre 2014 alcune immagini spuntate su Internet avevano svelato al mondo l’esistenza di Horizon: una donna dai capelli rossi e alcuni robot-dinosauri hanno fatto capolino su un forum cinese, per poi fare rapidamente il giro del mondo.

Gli sforzi creativi del team si sono presto concentrati sulle grandi protagoniste del mondo di Horizon: le macchine, tanto da decidere di tornare indietro nel tempo, fino ad un periodo in cui l’uomo non era il dominatore della Terra: l’età della pietra.

Proposero di fare un robot-dinosauro.

Sul momento furono in pochi a prendere sul serio quell’idea ma, come spesso succede, i buoni semi non impiegano molto a germogliare e fare frutti. Da quella che forse era soltanto una battuta nacque il primissimo design di robot a finire nel gioco finale, quel Divoratuono che si è trasformato ben presto in una vera e propria icona di Horizon Zero Dawn.

Guerrilla Games, in ogni caso, ha dimostrato di tenere ancora a questi esseri preistorici, presentando nei trailer dell’attesissimo Horizon Forbidden West una maestosa macchina dalle sembianze di uno pterodattilo e lo Squarciavento, robot già iconico che riprende l’estetica del temibile Deinonychus antirrhopus.

La creatività è stata in grado di dominare le Terre selvagge di Horizon Zero Dawn, e siamo certi che la stessa cosa accadrà anche nell’Ovest Proibito: ormai manca davvero poco per riunirci alla meravigliosa Aloy, e non vediamo l’ora che arrivi questo momento.

PER INFO PRE-ORDINI —–> https://amzn.to/3AXRrwC

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...